Nelle mani di nessuno. La lotta di uno sbirro antimafia in un paese malato

di Gianni Palagonia

Minacciato dalla mafia, il poliziotto Gianni Palagonia viene mandato in una Questura del Nord Italia, dove deve reinventarsi una nuova vita insieme alla sua famiglia. Suo malgrado, il destino lo porta nuovamente ad occuparsi di Cosa Nostra e poi in prima linea nella più grande operazione antiterrorismo degli ultimi anni, quella che dopo l’omicidio del Professore Marco Biagi e del Sovrintendente Emanuele Petri, porterà alla disarticolazione delle nuove Brigate Rosse. E mentre la vita del poliziotto si fa sempre più dura, frenetica e pericolosa, quella privata si sfalda giorno per giorno, nell’alienazione, nella solitudine, in una quotidianità in cui nulla sembra avere senso.

nelle-mani-di-nessuno

ISBN 978-88-6872-074-2 
Collana L’Arcobaleno
Formato 13×20
Pagine 321

 Palagonia ha la forza sincera della verità, lo slancio della narrativa e il fascino misterioso dell’esperienza vissuta.
Carlo Lucarelli

Gianni Palagonia
Gianni Palagonia. Questo è il nome falso di un poliziotto vero, costretto a nascondersi dietro uno pseudonimo per proteggere se stesso e i propri congiunti. Componente di vari settori investigativi, ha maturato una notevole esperienza in importanti indagini dirette al contrasto della mafia, della criminalità organizzata e del terrorismo. È una voce ruvida di un uomo battuto ma non vinto, che ha pagato di tasca propria la sua ostinazione.
Ha pubblicato i romanzi Il silenzio. Racconto di uno sbirro antimafia (Piemme, 2007) e Nelle mani di nessuno. La lotta di uno sbirro antimafia in un Paese malato (Piemme, 2008), entrambi ripubblicati da Edizioni Cento Autori, e l’inedito L’Aquila e la piovra. Un poliziotto italiano in missione in Albania (Edizioni Cento Autori, 2015). I suoi libri sono stati tradotti in Germania e Olanda.

Rassegna stampa

LA NAZIONE 07-12-16