L’altra trattiva

La vera storia del fallito accordo Stato-Camorra

di Massimiliano Amato

Cosa è successo in Campania nella prima metà degli anni Novanta? Chi e perché ha avviato una sorta di negoziato tra pezzi delle istituzioni ed esponenti di primo piano della camorra? Chi e perché l’ha prima bloccata e poi affossata?

La quarta

Analogamente a quanto ha fatto Cosa Nostra dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio, anche la camorra ha provato a trattare con pezzi delle istituzioni. L’idea di una resa di massa era nata nello studio di un avvocato napoletano, noto per aver fornito assistenza legale ai militanti della sinistra extraparlamentare negli anni di piombo. E dagli anni Settanta venne ereditata anche la parola chiave: «dissociazione». Il professionista ne parlerà con l’allora vescovo di Acerra, don Antonio Riboldi. L’ex parroco di Santa Ninfa, che aveva denunciato le inefficienze dello Stato e lo strapotere della mafia dopo il disastroso terremoto del Belice, ne informerà il ministro dell’Interno, Nicola Mancino, il quale invierà a Napoli il capo della Polizia, Vincenzo Parisi, e quello della Dia, Gianni De Gennaro. Nel clima di smobilitazione camorristica anche Raffaele Cutolo, il temuto capo della Nco, depositario di scottanti segreti che coinvolgono il mondo della politica, inizierà a collaborare. Ma poi…

L'altra tratta

ISBN 9788868720193
Collana Fatti & Misfatti
Formato 14×21
Prezzo 15€
Pagine 168

Massimiliano Amato

Giornalista professionista. Ha lavorato per i quotidiani “l’Unità”, “il Giornale di Napoli”, “il Mezzogiorno”, “La Città” e “L’Articolo”, e il settimanale “il Mondo”. Ha pubblicato i volumi Il sindaco desaparecido. Battipaglia, 1953: la scomparsa di Lorenzo Rago. Ombre di mafia e depistaggi. Un mistero italiano (Edizioni dell’Ippogrifo, 2006); De Magistris o della Rivoluzione Napoletana (fuori/onda, 2012); Democrat. L’ambizioso sogno del partito mai nato (Cento Autori, 2013). È autore del racconto 20 maggio Stadio Olimpico – Juventus 0 Napoli 2 (Cento Autori, 2012). Con Marcello Ravveduto ha scritto Riformismo mancato. Società, consumi e politica nell’Italia del miracolo (Castelvecchi, 2014).

È coautore dei lavori: il Casalese. Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro (Cento Autori, 2011); Strozzateci Tutti (Aliberti Editore, 2010); Per Gaetano Arfé. Testimonianze (Dante & Descartes, 2008); La famiglia Amendola. Una scelta di vita per l’Italia (Cerabona Editore, 2011). Per le edizioni de “l’Articolo”, ha curato i volumi: Berlinguer – Semplicemente Enrico (2004); Luciano Lama – Mezzogiorno e Democrazia Operaia (2005); 1943-1945 – L’alba della democrazia, il contributo campano alla nascita della nuova Italia (2005). Per le Edizioni dell’Ippogrifo ha curato, con Antonella Cilento, la raccolta di racconti La Città difficile (2006).

Rassegna stampa

IL MATTINO SALERNO

IL MATTINO

IL MATTINO SALERNO

IL MATTINO AVELLINO

LA CITTÀ